Nuove conferme: i cani addestrati fiutano il COVID-19 meglio dei tamponi!

Lo avevamo già anticipato qualche tempo fa, ma ora è arrivata una nuova conferma: i cani sono ancora più bravi dei test PCR nell’identificare le persone infette senza sintomi.

I cani sono affidabili quanto i test di laboratorio per individuare i casi di COVID-19 e potrebbero essere addirittura migliori dei test PCR per identificare le persone infette che non presentano sintomi. Inoltre, i cani sono sicuramente meno invasivi di un tampone nel naso e questo potrebbe incentivare le persone a sottoporsi al “controllo”.

In uno studio che ha coinvolto i campioni di sudore di 335 persone, i cani addestrati hanno fiutato il 97% dei casi di coronavirus che erano stati identificati dai test PCR, secondo quanto riportato dai ricercatori il 1° giugno in PLOS One. Inoltre, i cani hanno trovato tutti i 31 casi di COVID-19 tra 192 persone che non presentavano sintomi.

Questi risultati dimostrano che i cani potrebbero essere efficaci per lo screening di massa in luoghi come gli aeroporti o i concerti e potrebbero fornire alternative amichevoli per testare le persone che si oppongono ai tamponi nasali, afferma Dominique Grandjean, veterinario presso la Scuola Nazionale di Medicina Veterinaria di Alfort a Maisons-Alfort, Francia.

Il cane non mente

“Il cane non mente”, ma ci sono molti modi in cui i test PCR possono andare male, dice Grandjean. Il naso dei cani ha identificato un maggior numero di casi di COVID-19 rispetto ai test dell’antigene (SN: 17/12/21), simili a molti test casalinghi, ma a volte hanno scambiato un altro virus respiratorio per il coronavirus, hanno scoperto Grandjean e colleghi. Inoltre, prove aneddotiche suggeriscono che i cani possono rilevare casi asintomatici fino a 48 ore prima che le persone risultino positive al test PCR.

cani o tamponi
Nuova ricerca conferma: cani migliori dei tamponi!

Nello studio, i cani delle stazioni dei vigili del fuoco francesi e del Ministero degli Interni degli Emirati Arabi Uniti sono stati addestrati all’individuazione del coronavirus premiandoli con giocattoli, di solito palline da tennis. “È un momento di gioco per loro“, dice Grandjean.

Per addestrare un cane a riconoscere i casi di COVID-19 da campioni di sudore sono necessarie dalle tre alle sei settimane, a seconda dell’esperienza del cane nel rilevamento degli odori.

I cani hanno quindi annusato coni contenenti campioni di sudore raccolti dalle ascelle di volontari umani. Secondo Grandjean, anche il tamponamento del sudore sulla nuca delle persone o l’annusamento di maschere facciali usate hanno funzionato altrettanto bene.

Questi risultati indicano che gli odori provenienti da diversi siti corporei possono essere utilizzati per lo screening canino, afferma Kenneth Furton, un chimico forense della Florida International University di Miami che non è stato coinvolto nello studio.

Impostazioni privacy