“Il tuo cane è morto”! L’orribile storia di Katie

Katie Wright è una donna di 36 anni che sta aspettando un bambino e che mai avrebbe potuto immaginare di finire preda delle azioni di un gruppo di hater.

cane scomparso
Un cane scompare e la proprietaria è presa di mira dagli hater

La donna ha infatti condiviso alcune locandine con cui denunciava la scomparsa del suo cane nel quartiere nel Worcestershire, nel quale vive.

La futura mamma è disperata per quanto accaduto e, da quando è avvenuta la scomparsa, circa due mesi fa, non ha mai smesso di fare il possibile per trovare il suo amato cagnolino, visto per l’ultima volta mentre veniva inseguito da un uomo e, dunque, presumibilmente sottratto da costui.

Quindi, la donna ha scelto di affiggere dei manifestini in cui chiedeva la collaborazione di tutti, riportando il proprio numero di cellulare a disposizione di chiunque volesse fornire informazioni utili per ritrovare il cane.

Purtroppo, questa scelta si è rivelata produttrice di tanti fastidi.

Una crudeltà inattesa

La donna, che di mestiere fa la veterinaria, ha purtroppo confessato che da quel momento un gruppo di persone ha iniziato a staccare i manifesti per puro divertimento e farle delle telefonate false, in cui si dichiara che il suo cane è morto.

cane scomparso
Una storia davvero vergognosa!

“Non siamo sicuri se si tratti di bambini o meno, considerate le vacanze estive, oppure di persone generalmente poco gentili” – ha dichiarato la donna.

Purtroppo per lei, il tenore delle telefonate è piuttosto vario, ma sempre orientato a scoraggiarne la ricerca: qualcuno le ha detto che il cane era stato venduto e che bisognava smettere di cercarlo.

Ad ogni modo, nonostante ciò, per il momento sono stati distribuiti centinaia di volantini nel quartiere e diverse squadre di ricerca si sono dichiarate pronte ad andare alla ricerca di Bucky.

Per il momento questo impegno non ha dato i suoi frutti. Non ci rimane che sperare che possano esserci interessanti novità nei prossimi giorni… vi terremo informati!

Impostazioni privacy